Programma


Giorno 1: Tbilisi

Arrivo all’aeroporto Internazionale di Tbilisi, dopo il disbrigo delle pratiche doganali incontro con l’assistente in loco trasferimento per l’hotel. Pernottamento


Giorno 2: Tbilisi

(Mezza Pensione)

Dopo colazione incontro con la guida, giornata dedicata alla visita di Tblisi: è la capitale della Georgia, il cui centro storico con le stradine acciottolate rispecchia la lunga e complicata storia del Paese, che ha subito prima la dominazione persiana e poi quella russa. La città è caratterizzata da vari stili architettonici, che vanno dalle chiese ortodosse orientali ai palazzi in stile liberty, fino alle strutture moderniste di epoca sovietica. Visita della Cattedrale di Sioni eretta nel VII sec. , si celebrano funzioni ortodosse. Deve l’appellativo “Sioni” ad una tradizione in uso nella Georgia medievale, consistente nel dare alle chiese il nome dei luoghi della Terra santa. La cattedrale, infatti, porta il nome del Monte Sion di Gerusalemme. Si proseguirà verso la Collina per la visita della Fortezza di Narikala costruita nel IV sec. Si compone di due sezioni murate su una ripida collina tra i bagni di zolfo ed il giardino botanico nazionale. Nel cortile inferiore si trova la chiesa di San Nicola. Pranzo libero. Nel pomeriggio giro lungo il Corso Rustaveli, tra gli edifici più importanti della strada vi sono il palazzo del parlamento¸ l’ex palazzo dei viceré; la chiesa di Kashveti il Teatro Accademico; il Teatro dell’Opera e del Balletto e il Museo Nazionale ( visita ). Cena in un ristorante locale rientro in Hotel pernottamento.


Giorno 3: Tbilisi

(Mezza Pensione)

  • Stepantsminda

Dopo colazione partenza per la Grande Strada Militare Georgiana: deve il suo nome allo scopo di questo percorso che fu quello di consentire un rapido, per modo di dire, accesso ai territori a sud del Caucaso Alto alle truppe russe. La Strada Militare Georgiana, nel suo percorso completo, collega la Russia alle due capitali caucasiche di Tblisi e Yerevan. In particolare collega la città russa di Mineralnye Vody con la località armena di Meghri, in prossimità del confine iraniano, con un percorso lungo 1050 chilometri che attraversa Russia, Georgia ed Armenia. Visita al Complesso Ananuri eretto nel XVII sec. E’ un complesso architettonico sito sulle rive del fiume Aragvi, Il complesso consiste di due castelli uniti da un muro di cortina merlato. La fortificazione superiore, dotata di una grande torre quadrata; quella inferiore, è dotata di una torre rotonda e versa per lo più in rovina. All’interno del complesso, tra gli altri edifici, spiccano due chiese: la Chiesa della Vergina e la Chiesa della Dormizione. Si proseguirà verso Stepantsminda, il capoluogo della regione da doive si partirà con mezzi locali per addentrarsi all’interno delle magnifiche Valli e boschi fino a giungere alla Chiesa della Trinità di Gergeti situata a circa 2170 s.l.m., La sua posizione isolata, sulla cima di una ripida montagna, circondata dalla vastità del paesaggio naturale ha reso la chiesa un autentico simbolo della Georgia. Pranzo durante il tour. Rientro a Tblisi in serata, cena libera pernottamento.


Giorno 4: Akhaltsikhe

(Mezza Pensione)

  • Tblisi – Mtskheta – Gori – Uplistsikhe – Akhaltsikhe

Dopo colazione partenza verso la capitale antica, il centro religioso della Georgia: Mtskheta,qui si trovano numerosissimi edifici molto antichi, entrati a far parte dell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Fra questi edifici vale la pena ricordare: la Cattedrale di Svetitskhoveli (dell’XI secolo), il Monastero di Jvari (VI secolo), la Fortezza di Armaztsikhe (III secolo a.C.), l’acropoli. Pranzo libero. Si proseguirà verso la città di Gori dominata dalla dalla Fortezza Medioevale: la Gorsi Tsikhe e dalla Chiesa di San giorgio ( meta di pellegrinaggio). Ci si sposterà verso la Città scavata nella Roccia: Uplistsikhe, sarebbe uno dei più antichi insediamenti urbani della Georgia. Arrivo nel tardo pomeriggio a Akhaltsikhe, cena in Hotel, pernottamento.


Giorno 5: Kutasi

(Mezza Pensione)

  • Akhaltsikhe – Vardzia – Kutasi

Dopo colazione partenza per la città rupestre: Vardzia, fu fondata nel XII sec come monastero religioso fortificato, è uno dei migliori esempi dell’Età dell’Oro georgiana. Il monastero consiste in più di seimila stanze nascoste disposte su tredici piani, all’interno delle quali era possibile proteggersi dai mongoli. La città includeva una chiesa, una sala reale e un complesso sistema di irrigazione che portava acqua alle terrazze coltivate. Unico accesso al complesso era offerto da alcuni tunnel ben nascosti le cui entrate erano situate nei pressi del fiume Mtkvari. Pranzo libero. Nel pomeriggio partenza verso la Terra Mitologica del Vello d’Oro: Imereti, sosta al mercato della ceramica e arrivo a Kutaisi, la seconda città del paese e famosa nei tempi antichi perché possedeva il Vello d’Oro: Cena e pernottamento in Hotel.


Giorno 6: Tblisi

(Mezza Pensione)

  • Kutasi – Tskaltubo – Kaspi – Tblisi

Dopo colazione visita di Kutaisi con il Monastero e l’Accademia di Gelati del XII sec, importante sito dell’UNESCO. Pranzo e tempo libero per visitare liberamente la città.  Per chi volesse opzionale escursione a Tskaltubo che ospita la Grotta di Prometeo oppure agli antichi Sanatori Sovietici. Rientro a Tblisi nel tardo pomeriggio, cena libera pernottamento in Hotel


Giorno 7: attraversamento confine a Bagratashen – Monastero di Haghpat – Visita di Dilijan – Yerevan

Dopo colazione partenza verso il confine Bagratashen. Si proseguirà in seguito per la visita del Monastero di Haghpat costruito nel X sec. E parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Fu uno dei più importanti centri spirituali e culturali. Il complesso rappresenta uno straordinario e magnifico esempio di architettura armena medievale. Pranzo. La seconda tappa in Armenia sarà Dilijan, è chiamata dagli Armeni: “Piccola Svizzera”. Arrivo a Yerevan nel tardo pomeriggio cena libera pernottamento in Hotel.


Giorno 8: Cattedrale di Zvartnots – Cattedrale di Etchmiadzin

Dopo colazione incontro con la guida, partenza per la visita della Cattedrale di Zvartnots del VII sec., patrimonio mondiale dell’UNESCO. Letteralmente significa: Cattedrale degli Angeli Celesti. A fine visita partenza verso la città di Etchmiadzin, il centro del Cristianesimo Armeno. Il monumento più importante di Echmiadzin è la sua cattedrale, costruita originariamente da San Gregorio Illuminatore come una basilica a volta nel 301-303, quando l’Armenia era l’unica nazione del mondo a riconoscere il Cristianesimo come religione di stato. Secondo gli annali armeni del V secolo, San Gregorio ebbe una visione di Cristo che scendeva dal cielo e colpiva il suolo con un martello d’oro per mostrare il luogo dove sarebbe dovuta essere costruita la Cattedrale. Quindi il patriarca diede alla chiesa e alla città il nome di Echmiadzin, che significa “il luogo dove discese l’Unico Figlio”. A ovest della Cattedrale si trova la Porta di San Tiridate, che porta all’imponente Palazzo del Patriarca. Ultimamente nella Cattaedrale sono stati scoperti nuovi affreschi. Vi sono dei lavori di ricerca in corso ed è possibile che non si possa visitare l’interno. Pranzo presso una comunità locale Armena. Nel pomeriggio giro panoramico della città di Yerevan: capitale dell’Armenia, è caratterizzata dalla sontuosa architettura dell’epoca sovietica. Il Matenadaran, che ospita migliaia di antichi manoscritti greci e armeni, domina il viale principale. Piazza della Repubblica è il nucleo della città, con fontane d’acqua musicali ed edifici governativi con colonnati. Il Museo della Storia dell’Armenia, degli anni ’20, si trova sul lato orientale della piazza ed espone oggetti archeologici, tra cui una scarpa in pelle risalente a circa il 3500 a.C.. Cena libera pernottamento in Hotel


Giorno 9: Tempio di Garni – Sinfonia di Pietre – Monastero di Ghegard

Dopo colazione partenza per la visita del villaggio di Garni: famoso è il suo tempio pagano ellenistico del I sec, è l’unico tempio pagano sopravvisto dopo la cristianizzazione dell’Armenia. Il posto è famoso per i suoi paesaggi circostanti. Si discenderà la goladel fiume Azat con 4×4 fino a giungere alla Gola di Garni dove si trova un monumento naturale chiamato: “ Sinfonia di Pietre” o Organo di basalto. La sua formazione è dovuta al risultato della lava. Rientro nel villaggio di Garni per assistere alla preparazione del LAVASH ( pane tradizionale armeno ), possibilità di gustare il brduj ( panino farcito) con formaggio fresco e erbe locali. Pranzo. Nel pomeriggio visita al Monastero di Geghard ( Monastero della lancia , con riferimento alla lancia che ferì Cristo durante la crocifissione. Fu costruito nel IV sec, oggi patrimonio è Mondiale dell’UNESCO. Le spettacolari guglie rocciose che cingono il monastero fanno parte della gola del fiume Azat, anch’esse incluse nella lista dei Patrimoni dell’umanità insieme al monastero. Alcune delle chiese che fanno parte del complesso del monastero sono interamente scavate nella roccia, altre sono poco più che grotte, altre ancora sono elaborate strutture architettoniche con parti in muratura e parti scavate nella roccia. Nel monastero si trovano inoltre numerosi khachkar, e come risultato si ha uno dei luoghi turistici più visitati di tutta l’Armenia. Vicino al monastero di Geghard si trova il tempio di Garni, una struttura simile al Partenone che si trova poco più a valle lungo il fiume Azat. Di solito i due luoghi sono inclusi nei viaggi organizzati con l’unico nome di Garni-Geghard. Rientro a Yerevan nel tardo pomeriggio, Cena libera pernottamento in Hotel


Giorno 10: Monastero di Khor Virap – Grotte des Oiseaux – Monastero di Noavank - Goris

Dopo colazione partenza per la voisita al Monatstero di Khor Virap ( prigione / pozzo profondo ), si trova alla base del Monte Ararat. E’ uno dei più importanti Moinasteri Armeni e si trova vicino al confine con la Turchia. Fu costruito durante il Regno degli Arshakidi, veniva usato come prigione per i condannati. L’ ’ importanza del monastero e` legata al fondatore del Cristianesimo in Armenia – Gregorio l’Illuminatore. La leggenda narra che Il re pagano Tiridate III tenne San Gregorio l’Illuminatore, reo di aver professato e diffuso il cristianesimo, imprigionato per 12 anni in un pozzo dove alcune donne cristiane gli portavano cibo in gran segreto. Pranzo. Si proseguirà con la visita della grotta degli Uccelli ( Areni-1), situata vicino al villaggio di Areni. La giornata si concluderà con la visita del Monastero di Noravank costruito nel XII sec . Una gemma d’architettonica incastonata tra rupi color mattone appena sopra una profonda gola. Il cuore del monastero è costituito dalla chiesa a due piani di S. Astvatsatsin, la Santa Madre di Dio in armeno. L’accesso al secondo piano è garantito da una stretta scala di pietre sporgenti dalla facciata della costruzione. Arrivo nella città di Gorsi, cena libera pernottamento in Hotel


Giorno 11: Khndzoresk – Monastero di Tatev – Zorats Karer - Vayk

Dopo la prima colazione visita di Khndzoresk, situato sul ripido pendio di una gola ed è composto da grotte naturali e artificiali abitate fino agli anni ’50. Si dovrà attraversare lo “ Swingging Bridge” di Khndzoresk sospeso sulla gola e collega il vecchio villaggio con quello nuovo. Per giungere al ponte si dovranno scendere molte scale, in loco per coloro che non sono in grado possibilità di noleggiare 4×4. Si prenderà dunque la più lunga funivia al mondo, durante il tragitto si avrà una vista mozzafiato della gola del Vorotan, una volta arrivati in cima saremo arrivati al Monastero di Tatev, una delle prime Università dell’Europa Medievale. Si proseguirà con la visita di Zorats Karer: la Stonehenge” armena. Il complesso è costituito da diverse sezioni: un cerchio centrale, un braccio che punta a nord, uno a sud, un corridoio puntato in direzione N-E, un settore che attraversa il cerchio centrale e vari menhir sparsi. Il sito si presenta molto ricco di testimonianze antiche come sepolture e cumuli di rocce. In totale sono stati registrati 223 megaliti. Secondo i ricercatori potrebbe essere uno dei più antichi osservatori astronomici del mondo. Cena libera pernottamento in Hotel a Vayak


Giorno 12: – Orbellian / Caravanserraglio – Noratous – Lago Sevan – Yerevan

Dopo colazione partenza per visitare la storica Via della seta, visita del Caravanserraglio Selim, questo monumento architettonico unico in Armenia è una splendida reliquia dei tempi in cui l’Armenia era il crocevia degli affari economici, culturali e militari. Arrivo al Villaggio di Noratous vicino al Lago di Sevan. È un sito antico con tanti monumenti risalenti all’età del bronzo e del ferro. Si ergono su 7 ettari di terreno i Khachkar ( croce in pietra ), è un ceppo funerario scolpito nella pietra. La ragione più comune per erigere un khachkar è la salvezza della propria anima, ma essi vennero eretti anche per commemorare vittorie militari, costruzioni di chiese, amori non corrisposti, o come forma di protezione dai disastri naturali. Pranzo. Nel pomeriggio si farà un percorso panoramico del Lago Sevan. Arrivo nel tardo pomeriggio a Yerevan, cena libera pernottamento in Hotel.


Giorno 13: Ritorno

Dopo colazione trasferimento in tempo utile per l’aeroporto di Zvartnots in tempo utile per prendere il volo prenotato